16/12/2013 -

Università di Palermo, prof incatenato da 6 giorni: solidarietà dai docenti di Atenei italiani

Tito Panzeca

 

PALERMO. Solidarietà da docenti di diversi Atenei italiani è stata espressa al professore di Scienza delle costruzioni, Tito Panzeca, al sesto giorno consecutivo di protesta all'interno della facoltà di Architettura di Palermo dove si è incatenato contro quello che definisce "uno scippo" da parte del Senato Accademico nell'assegnazione di posti da ricercatore.

"Non mi sono mosso da qui - dice Panzeca, dopo la quinta notte trascorsa incatenato ad un pilastro - Per fortuna ci sono studenti, docenti e amici che mi hanno fatto compagnia, sostenendo la mia battaglia". A chi lo invita a tornare a casa almeno per qualche ora la notte, lui risponde: "Avevo detto che sarei rimasto qui e qui rimango. Altrimenti che esempio darei ai miei studenti".

Solidali con la sua protesta i docenti di Scienza della Costruzioni riuniti sabato a Roma per un incontro di ricerca: hanno scritto una lettera "auspicando che gli organi accademici dell'Ateneo palermitano rivedano e verifichino la corretta applicazione dei criteri valutativi che hanno portato all'esclusione del gruppo disciplinare Scienza delle Costruzioni dall'assegnazione del posto di ricercatore".

La lettera è firmata da Raffaele Casciaro (Università della Calabria, coordinatore Progetto PRIN), Antonella Cecchi (IUAV Venezia), Francesco Umbertini (Università di Bologna), Renato Vitaliani (Università di Padova), Luciano Rosati (Università di Napoli), Felice Ponzo (Università Basilicata), Nicola Rizzi (Università Roma III), Patrizia Trovalusci (Università di Roma La Sapienza), Lucio Ronchin (Università Ca Foscari -Venezia), Antonio Bilotta (Università della Calabria), Giovanni Formica (Università Roma III), Giovanni Garcea (Università della Calabria), Raffaele Zinno (Università della Calabria), Antonio Madeo (Università della Calabria), Giovanni Zucco (Università della Calabria), Francesco Marro (Università di Napoli), Ginevra Salerno (Università Roma III).

SCUOLA