30/07/2014 -

Il lino torna il tessuto d’eccellenza
Usato anche per borse e accessori

Il preferito di quest’estate, un materiale ideale contro il caldo torrido. Dalle lenzuola agli abiti realizzati a mano, è una fibra naturale adatta a tutti i tipi di contesti e mode

 

di DANIELA CIRANNI

PALERMO. Il tessuto dell’estate per antonomasia è sempre lui, il lino. Il caldo torrido che fa passare la voglia di uscire da casa, ci fa prestare più attenzione nel vestire e sicuramente la scelta cade sui tessuti naturali, che non fanno sudare e che lasciano respirare la pelle assorbendo il calore e mantenendola fresca ed asciutta.
Le nostre nonne sceglievano il lino come tessuto principale per le lenzuola ed entrando nelle loro case i bauli custodivano un tesoro prezioso. Anche gli antichi greci, sia donne che uomini, lo sceglievano come unico tessuto per i loro abiti estivi per resistere alle calde temperature. Una fibra antica che continua ad incantare la moda contemporanea e che non ha rivali.
«Il lino è un tessuto che non subisce le tendenze estive – dichiara Valentina Lo Cascio, titolare di Vem Mazzara di viale Strasburgo a Palermo -. Per l’estate 2014 ho scelto alcuni capi interamente realizzati a mano da Marilù, un’azienda di Positano, in lino 100% molto richiesti dalle clienti che sono stanche delle fibre sintetiche. Non c’è nulla di più chic di un abito in lino bianco, un paio di infradito e un panama. Un look semplice ma d’effetto. Basta fare un giro nel web per trovare star, attori e modelli che indossano capi e completi in lino per sopportare il caldo estivo. Ne è esempio il top modello di Dolce & Gabbana, David Gandy, che nelle sue uscite londinesi indossa capi classici dal taglio moderno in fibra naturale». Unico neo per il lino è che si sgualcisce facilmente e non vuole saperne di tornare a posto semplicemente tendendolo con le mani, quindi se si sceglie un abito da portare in vacanza è opportuno riporlo con cura in valigia.
Non soltanto gli abiti, ma anche gli accessori hanno ceduto al fascino evergreen del lino. «Per la collezione primavera estate 2014 – dichiara Federica Garofalo, titolare insieme alla sorella Roberta del brand siciliano Bakarà - abbiamo scelto proprio il lino come protagonista intrecciato al cotone basico, per usare una tramatura tanto in voga ed apprezzata dalle donne di tutto il mondo. Grandi stilisti lo hanno ripreso nelle loro creazioni e noi lo abbiamo fatto a modo nostro nelle borse Bakarà. È un tessuto decisamente peculiare e diverso dai più comuni utilizzati per gli accessori, non facilmente lavabile purtroppo, proprio per il suo stretto intreccio, ma decisamente chic. L’effetto finale risulta raffinato e riesce a creare delle fantasie nuove ed uniche nel loro genere. Dalla tramatura quasi geometrica alla fantasia che riprende il corallo, il nostro intento è quello di stupire ancora una volta le nostre clienti con tessuti nuovi e diversi dal resto».
Un tessuto antico utilizzato per delle borse dal mood giovane e innovativo. Un lavoro minuzioso per dar vita alle borse Bakarà. «Avere utilizzato un tessuto naturale, raffinato e resistente, ha per noi produttrici di Made in Italy, una gran importanza – conclude la Garofalo -. Anche se abbiamo scelto il lino come tessuto per alcune borse, abbiamo mantenuto i prezzi competitivi. Si parte da 75 euro per la mini cartella fino ai 100 della shopping bag».

VITA E PIACERI